Cameron: il Titanic in 3d nel 2012

L’annuncio del remake del colossal in occasione del centenario della partenza del transatlantico. Il regista: sarà un'esperienza epica sia per i vecchi fan, sia per i nuovi spettatori
Caltanissetta, Archivio

LOS ANGELES. Titanic, il film campione d'incassi di James Cameron, sarà ridistribuito in una versione in 3D il 6 aprile 2012, in occasione dei cento anni dalla partenza del transatlantico.
"C'é un'intera generazione che non ha mai visto questo film per come era stato concepito, cioè per il grande schermo – ha dichiarato Cameron - e posso garantire che, convertito in 3D, sarà un'esperienza epica sia per i vecchi fan, sia per i nuovi spettatori". La conversione della pellicola, che era stata definita nel 1997, anno di uscita, come una dimostrazione spettacolare di quello che la tecnologia moderna era in grado di fare per arricchire la narrazione drammatica, è stata curata interamente dallo stesso regista e dal suo socio di lunga data Jon Landau.
"Questo nuovo progetto ha un significato speciale per tutti noi - ha commentato il presidente e amministratore delegato della Paramount, Brad Grey - perché nel 2012 si festeggia anche centenario della casa di produzione, oltre a quello della partenza e del tragico epilogo del transatlantico per l'America".
Titanic è il secondo film ad avere realizzato i maggiori incassi di tutti i tempi, è uno degli unici tre film nella storia del cinema a essersi aggiudicato undici Academy Award, tra cui quello per il miglior film e il miglior regista e ha lanciato la carriera di cinematografica di Leonardo Di Caprio e Kate Winslet. La collaborazione tra Cameron e Landau non si limita al grande successo del '97: tra i titoli che li hanno visti in partnership, infatti, anche Solaris del 2002 e Avatar del 2009.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook