Digitale terrestre, si parte a Corleone e Misilmeri

Palermo e tutti i comuni della fascia costiera da Balestrate a Cefalù, passeranno al nuovo sistema tra il 2 e il 4 luglio. Per le poche zone di copertura terrestre difficoltosa c'è l'offerta gratuita di TivùSat, che trasmetterà con emissione satellitare, tutti i canali del digitale terrestre. Bisogna acquistare solo il decoder satellitare
Caltanissetta, Archivio

PALERMO. Digitale terrestre. Oggi tocca a una bella zona della provincia di Palermo. Quelle dove domani gli impianti locali daranno l'addio al sistema di emissione analogico per passare al digitale sono quelle della parte interna della provincia e comprendono tra l'altro Corleone, Caltavuturo, Prizzi, Marineo e Misilmeri. Il capoluogo e tutti i comuni della fascia costiera da Balestrate a Cefalù, passeranno al digitale tra il 2 e il 4 luglio quando, con l'attivazione degli impianti di Monte Pellegrino, sarà del tutto completato lo "switch off" e l'analogico andrà in pensione.
Ma vediamo come funzionerà. I canali del Digitale Terrestre vengono ricevuti dal televisore attraverso un'antenna e un decoder. L'antenna. Nella maggior parte dei casi va benissimo quella utilizzata finora. Tranne che l'impianto non abbia una cattiva ricezione. Ora, se con l'analogico questo consente comunque di ricevere un canale sia pure se disturbato, col digitale non ci sarà ricezione. In questo caso bisogna chiamare l'antennista. A questo indirizzo internet è possibile trovare la lista degli installatori che hanno stipulato accordi con la regione e garantiscono tariffe controllate: http://www.digitaleterrestre.it/installatori. Il decoder. Può essere esterno all'apparecchio tv oppure interno.
Per legge tutti i televisori prodotti in Italia dall'aprile 2009 devono averne uno interno. Ci sono decoder "zapper" e quelli DHP. I primi ricevono solo i canali in chiaro cioè quelli gratuiti. Gli altri consentono di sfruttare le altre possibilità offerte da questo sistema. Esistono in commercio decine di tipi di decoder ma è consigliabile sceglierne uno, anche economico, ma che abbia la funzione di sintonizzazione automatica dei canal.
Il decoder consiste in una scatoletta e un telecomando. Si collega alla tv solitamente attraverso un cavo "scart". All'accensione basta premere il tasto "menù" sul telecomando (del decoder) e selezionare l'opzione della sintonizzazione automatica dei canali. Tgs si collocherà automaticamente sul canale 015 del telecomando. Se, invece volete scegliere un ordine diverso, potete ricorrere alla selezione manuale. Per chi ha poca dimestichezza con queste procedure, è consigliabile tenere sempre a portata di mano il libretto di istruzioni del decoder. I costi variano dai 30 ai 150 euro. Lo Stato ha previsto anche un contributo di 50 euro e i Corecom regionali hanno avuto dall'agenzia delle Entrate la lista di tutti i cittadini che hanno compiuto 65 anni di età (o li compiranno entro il 31 dicembre 2012) e che hanno dichiarato redditi non superiori ai 10 mila euro. Per le poche zone di copertura terrestre difficoltosa c'è l'offerta gratuita di TivùSat, che trasmetterà con emissione satellitare, tutti i canali del digitale terrestre. Bisogna acquistare solo il decoder satellitare.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X