"Mia madre", John Turturro sul set per Nanni Moretti: esigente ma bello lavorare con lui

ROMA. Un attore "arruolato" dalla regista da Margherita Buy nei panni di una regista: è il ruolo, recitato quasi sempre in italiano, di John Turturro in "Mia madre", commedia drammatica di Nanni Moretti di cui sono in corso le riprese nella capitale. «È stata un'esperienza molto positiva - dice Turturro, nell'incontro con i giornalisti dedicato al suo nuovo film da regista, "Gigolò per caso", delicata commedia di cui è anche protagonista con Woody Allen, in uscita il 17 aprile -. La sceneggiatura di "Mia madre" è molto bella e ho amato recitare con Margherita Buy. Nanni è un regista molto esigente ma è stato molto interessante lavorare con lui». A chi gli chiede se si ritrova nell'opinione diffusa all'estero che Moretti sia una sorta di Woody Allen italiano, Turturro risponde sorridendo: «In un pezzo sul New York Times in cui avevano fatto uno schema per spiegare l'influenza di Allen sul cinema di altri registi nel mondo, Moretti lo descrivevano un pò come un suo nipote. Io penso che Nanni abbia uno stile molto personale, mi piacciono molto i suoi film». E de La grande bellezza cosa pensa? «Ha vinto l'Oscar - sottolinea sornione -. Sorrentino è un grande regista, di cui avevo amato molto "Le conseguenze dell'amore" e Servillo un attore straordinario. De "La grande bellezza" mi è piaciuto l'aspetto visivo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X