STOP ALL'EMERGENZA

Niscemi, consegnata la vasca di riserva idrica

di
Turni di erogazione ridotti grazie all’opera realizzata presso il serbatoio comunale: aumenterà la disponibilità di acqua

D’ora in avanti eventuali guasti alla condotta idrica o i ritardi nell’erogazione ai cittadini dell’acqua potabile avranno un impatto sull’utenza meno traumatico che nel passato. Nel senso che i turni di erogazione del prezioso liquido saranno più ridotti.

Tutto ciò sarà la conseguenza positiva della consegna alla società Caltaqua che gestisce il servizio, avvenuta nei giorni scorsi, della nuova vasca di accumulo presso il serbatoio comunale. La consegna dell’importante opera si è svolta alla presenza del sindaco Francesco La Rosa e dell’assessore ai Lavori Pubblici Massimiliano Conti. La nuova vasca ha la capacità di 45 mila metri cubi ed è dotata di una sala motori per pompare l’acqua al vicino fungo pensile, in modo da permettere l’erogazione in tutti i quartieri della città.

L’opera è stata realizzata grazie a un finanziamento della Regione Siciliana per un importo complessivo di un milione e 640 mila euro. «La nuova vasca - spiega l’assessore Conti - aumenterà la disponibilità di approvvigionamento idrico in caso di carenza d’acqua, garantendo la comunità niscemese in caso delle purtroppo frequenti carenze idriche a causa dei guasti e dei furti di rame».
Nei mesi scorsi, si sono verificati diversi raid da parte dei ladri di cavi elettrici di rame, prima in contrada Mascione, mettendo fuori uso tre pozzi che alimentano il serbatoio comunale di Niscemi, e poi in contrada Polo, dove esiste un’altra fonte comunale di approvvigionamento idrico. In quell’occasione, la città subì periodi di grave carenza idrica, che portarono alla protesta in diversi quartieri. Il «cittadino qualunque» Giuseppe Maida, autore di diverse e clamorose iniziative contro la sete che spesso attanaglia Niscemi, presentò un esposto-denuncia alla Guardia di Finanza di Gela, segnalando il ritardo nella consegna della vasca di riserva. Ora finalmente, quest’opera tanto attesa, viene messa a disposizione della società che gestisce il servizio.
In merito alla notizia recente, secondo cui la Polizia di Caltanissetta ha sgominato un’organizzazione criminale che trafficava in cavi di rame, il sindaco La Rosa ha dichiarato che si costituirà parte civile nei processi che riguarderanno queste indagini, dato che la città nel recente passato ha sofferto la carenza di acqua a causa dei furti di rame nelle contrade Polo e Mascione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X