L'INCHIESTA

Imprenditore morto in ospedale a Gela, sarà effettuata l'autopsia

di
Sequestrate tutte le cartelle cliniche dove sono evidenziate le diagnosi e le cure effettuate da Pesarini

GELA. Si terrà oggi pomeriggio l’esame autoptico sulla salma di Carmelo Pesarini. L’imprenditore edile di 53 anni è deceduto in ospedale, domenica pomeriggio alle 17,50, dopo un’attesa di un ora in sala d’attesa. Il personale paramedico lo aveva triagiato con un codice Giallo. La figlia ventiduenne aveva consegnato la cartella clinica del padre all’infermiere in servizio in ospedale anche per evidenziare la presenza del carcinoma polmonare e dell’attività sanitaria degli ultimi mesi. Carmelo Pesarini era stato dimesso dall’unità operativa di Medicina dopo tre giorni di ricovero.

“In quell’occasione aveva accusato un principio di infarto – sostengono i fratelli dell’imprenditore deceduto – Invece gli avevano diagnosticato un’infezione ai polmoni. Siamo convinti che questa era una tragedia evitabile. Anche per questo motivo abbiamo deciso di sporgere una denuncia e affidarci ad un avvocato di fiducia”. Il medico legale, Cataldo Ruffino, oggi pomeriggio dovrà cercare di fare chiarezza e stabilire l’esatta causa del decesso. Potrebbe essere affiancato da un medico nominato dai familiari della vittima. Sull’iter delle cure prestate allo sfortunato Carmelo Pesarini indaga la magistratura.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X