COMUNE

Gela, il caso delle strisce blu: posto a rischio per dieci lavoratori

di

GELA. Ci sono ancora tanti dubbi intorno alla prossima assegnazione del servizio di sosta a pagamento in città. Mentre il presidente della commissione sviluppo economico di Palazzo di Città Terenziano Di Stefano è stato convocato dai militari della guardia di finanza che indagano sul caso, delle sorti del nuovo regolamento si sa ben poco. Venne approvato dalla commissione sviluppo economico nel febbraio di un anno fa ma non è mai arrivato in consiglio comunale. L'amministrazione, però, intende accelerare i tempi per la celebrazione della gara d'appalto e il successivo affidamento del servizio, almeno per i prossimi cinque anni.

«Senza l'approvazione del nuovo regolamento - spiega proprio Terenziano Di Stefano - non si può celebrare nessuna gara d'appalto. Assegnare il servizio con il vecchio regolamento, risalente al 2005, sarebbe inaccettabile. Peraltro, bisogna ancora capire i motivi che hanno bloccato la procedura d'approvazione del regolamento da noi varato».  Le strisce blu, insomma, fanno ancora discutere. Allo stato attuale, la gestione è affidata alla società locale Blu Lines che ha ottenuto una proroga, ora in via di scadenza. «La proroga - continua Di Stefano - sta per concludersi e la gara non si può celebrare senza il nuovo regolamento. A questo punto, a rischio c'è il posto di lavoro dei dieci operatori che si occupano dei controlli nelle aree di sosta a pagamento della città».

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X