SENTENZA

"Niente Tarsu per i lidi in inverno nel Nisseno", la decisione della commissione tributaria

Le condizioni di inutilizzabilità degli stabilimenti balneari durante la chiusura invernale, spiegano i giudici, nel periodo che va dal mese di ottobre al mese di aprile sono obiettive ed è escluso che possano produrre rifiuti

CALTANISSETTA. Gli stabilimenti balneari in inverno non producono rifiuti e, quindi, non possono essere soggetti al pagamento della tassa comunale. È quanto ha affermato la commissione tributaria regionale di Palermo, sezione staccata di Caltanissetta (XXI), con la sentenza n. 476 del 9 febbraio scorso. Le condizioni di inutilizzabilità degli stabilimenti balneari durante la chiusura invernale, spiegano i giudici, nel periodo che va dal mese di ottobre al mese di aprile sono obiettive ed è escluso che possano produrre rifiuti.

In realtà, secondo Italia Oggi, la pronuncia in esame dà luogo a una forzatura del dato normativo, poichè nessuna norma di legge impone che il comune debba concedere un esonero dal prelievo per un determinato periodo dell' anno relativamente alle attività a carattere stagionale. Tutt'al più il contribuente può fruire di una riduzione della tassa, sempre che l'amministrazione comunale intenda assicurare beneficio. Questa regola vale non solo per la Tarsu, ma anche per la Tares e la Tari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X