COMUNE

Gela, si è rotta la storica alleanza tra il Pd e il PdS

di
La frattura per il mancato accordo sul progetto di riconversione dell’Eni con la firma da parte dei vertici del Partito democratico apposta al Mise il 6 novembre scorso

GELA. Si è rotta l’alleanza storica tra il Partito democratico (Pd) e il Partito dei Siciliani (PdS). Aumenta la lista dei candidati a sindaco alle imminenti elezioni amministrative e comincia a zoppicare la rielezione di Angelo Fasulo. L’ormai ex Mpa potrebbe sostenere Fortunato Ferracane, attuale vice sindaco e assessore. Alla base della frattura c’è il mancato accordo sul progetto di riconversione della fabbrica Eni con la firma da parte dei vertici del Pd apposta al Mise il 6 novembre scorso.

“Avevamo fatto la proposta di mantenere la linea produttiva - dice Pino Federico del Pds - non è stata presa in considerazione. Mi aspettavo dal sindaco eletto fortemente dal mio movimento una condivisione di idee. Invece ha agito arbitrariamente. Il nostro movimento basa la propria azione politica sulle esigenze della città. Vorrei conoscere il progetto complessivo. Il giorno prima dell’incontro al ministero dello Sviluppo economico noi non abbiamo potuto partecipare. Mi aspettavo una presa di posizione da parte del sindaco che ho sostenuto. Invece nulla. E’ andato avanti senza remore”.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X