CRISI IDRICA

Mezza città a secco, monta protesta al Comune di Gela

di
Da S. Ippolito a Marchitello, passando per Giardinelli e dal Borgo, continuano i disagi dei residenti

GELA. La città sembra essere stretta nella morsa di una nuova emergenza idrica. I rubinetti sono a secco nelle abitazioni di diversi rioni, da Sant’Ippolito a Marchitello, passando per Giardinelli e dal Borgo. Ieri, circa venti persone, tra donne e bambini, si sono recate a Palazzo di Città per manifestare tutto il loro disappunto al sindaco Angelo Fasulo. “Il primo cittadino era assente – ammette Maria Macaluso – spero possa ascoltare la nostra istanza e mettere la parola fine ad un disagio che si protrae, in via Annibalcaro e Torquato Tasso, ormai, da tre mesi. Siamo esasperate e temiamo anche per il mantenimento delle condizioni igienico-sanitarie. Nel nostro rione insiste la sede comunale del settore Servizi sociali. Da loro non manca l’acqua”.

La società Caltaqua, che gestisce il servizio in città, ammette che in quelle aree esiste un disagio. «La rete è vetusta – spiega l’addetto stampa della società spagnola – e bisogna sostituirla e adeguarla. L’intervento è in programma. Per sopperire all’emergenza idrica è stato attivato un servizio di approvvigionamento idrico alternativo, tramite autobotti. Le stesse sono dislocate sul territorio, con particolare riferimento ai rioni maggiormente in difficoltà». Le residenti di via Annibalcaro hanno deciso di inviare una lettera di reclamo direttamente al prefetto di Caltanissetta e al sindaco Angelo Fasulo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X