SANITA'

Manca il personale, in crisi il 118 dell'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta

di
Il servizio viene ugualmente garantito con turni «pesanti», a volte con tre e altre volte con soli due infermieri disponibili. A questa emergenza si somma anche la carenza di medici sulle ambulanze

CALTANISSETTA. Il 118 ha di nuovo il fiato corto. Mancano gli infermieri e non si sa da dove prenderli e non esiste nemmeno una graduatoria provvisoria, con personale con quella specifica idoneità, dove poter attingere. Si ripresenta nuovamente un problema che due anni fa sembrava essere stato superato grazie alla disponibilità di alcuni reparti dell'ospedale Sant'Elia dove, oggi, la coperta è decisamente stretta.

Alla centrale operativa l'organico prevede diciotto unità. Questo sulla carta. Nella realtà ne sono rimasti solo dodici che si sobbarcano a turni estremamente lunghi pur di garantire un servizio che non ammette sospensioni di sorta. Capita sovente che qualcuno è arrivato a coprire due servizi notturni consecutivi. Un 118 si direbbe in emergenza, ma il peggio è dietro l'angolo perchè prima o poi si dovrà affrontare il nodo legato a riposi e soprattutto alle irrinunciabili ferie. Mancano gli infermieri e mancano pure i medici. Anzi questi ultimi non ci sono mai stati e la loro assenza viene coperta da medici della rianimazione o del pronto soccorso, ovvero professionisti che abbiano dimestichezza con l'emergenza.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X