LAVORO

Rmi a Caltanissetta, forse arriva la proroga

di
Nella sede dell'assessorato regionale alla Famiglia, si è tenuto un tavolo tecnico con alcuni amministratori nisseni e la Cgil

CALTANISSETTA. Per i lavoratori del reddito minimo di inserimento, le residue speranze sono appese ad un emendamento che sindaci e sindacati dei comuni di Caltanissetta ed Enna si apprestano a presentare in vista della finanziaria che dovrà essere approvata entro la fine del mese dal governo e dall'assemblea regionale. Ieri l'altro a Palermo, nella sede dell'assessorato regionale alla Famiglia, si è tenuto un tavolo tecnico chiesto da alcuni amministratori nisseni e dalla Cgil presieduto della dirigente generale dell'assessorato al Lavoro Anna Maria Corsello.

Argomento di discussione, la problematica dei lavoratori del Reddito minimo di inserimento già fuoriusciti lo scorso 16 aprile dai comuni della provincia. Per la Cgil era presente il responsabile Manuel Bonaffini e l'avvocato Giosal Lo Giudice, per il Comune di Delia il sindaco Gianfilippo Bancheri, anche in qualità di delegato Anci, il dirigente Rocco Di Caro e Davide Montana per rappresentare gli operatori Rmi, per il Comune di Caltanissetta l'assessore Piero Cavaleri, in rappresentanza del Comune di San Cataldo l'assessore Salvatore Sberna, per il Comune di Sutera l'assessore Pietro Alongi e funzionari dei Comuni di Mussomeli e Campofranco.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X