TRIBUNALE

Bracconaggio nel Nisseno, per sei persone inizia il processo

di

CALTANISSETTA. È tra le pieghe di una maxi inchiesta scattata per ben altre ragioni che sono stati scoperti. Lo scenario che li ha messi nei guai, facendo scendere su loro l’etichetta di cacciatori di frodo, sarebbe venuto a galla durante intercettazioni di una mega indagine legata a presunte truffe allo Stato attraverso slot machine taroccate. Quella poi ribattezzata «Les jeux sont faits» e che ha trascinato sotto accusa quarantotto imputati accusati, a vario titolo, delle ipotesi di concorso esterno in associazione mafiosa, illecita concorrenza, riciclaggio, concussione, corruzione, favoreggiamento, frode informatica e peculato.

Da quelle intercettazioni, poi, in sei sono finiti nei pasticci per tutt’altre ragioni: per bracconaggio. Venuto fuori attraverso colloqui telefonici “catturati” dalla polizia durante l’indagine “madre”.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X