IL CASO

Caltanissetta, disagi in una contrada: pochi abitanti per avere il gas

di

CALTANISSETTA. I primi sessanta potenziali utenti sono stati trovati. All'appello ne mancano però quaranta e non sarà facile trovarli in una zona dove esistono villette dove le distanze, fra l'una e l'altra, superano abbondantemente i cinquanta metri. A Gibil Habib, una delle più popolose contrade della periferia, i residenti stanno combattendo una pesante battaglia per arrivare al traguardo minimo di un utente ogni trenta metri. Solo allora la società che ha in gestione la rete metanifera potrà procedere alla collocazione della condotta di cui la contrada (assieme ad altre dieci del circondario) è sprovvista.

Per la società, come è stato chiaramente spiegato, sarebbe anti economico in quella zona con numero limitato di utenti. E così il comitato di quartiere guidato da Salvatore Pistis per arrivare alla sospirata condotta sta andando a bussare alla porta del sindaco Giovanni Ruvolo al quale verrà chiesto un impegno economico per incentivare la Natural Gas alla posa della rete metanifera. Una periferia dove davvero manca tutto a partire dalla rete idrica.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X