TRIBUNALE

Voleva spillare soldi ad un collega, ambulante sotto accusa a Caltanissetta

di

CALTANISSETTA. È chiamato in aula per rispondere di tentata estorsione. È un'altra tegola che pende sul capo dell'ambulante quarantaduenne Umberto Niotta (assistito dagli avvocati Alberto Salpietro e Boris Pastorello) che in passato ha già avuto grane giudiziarie, ma di altra natura . Ora è chiamato al cospetto del tribunale presieduto da Antonio Napoli (giudici a latere Claudio Emanuele Bencivinni ed Alex Costanza) per sospette richieste di pizzo. In uno scenario - quello ipotizzato a suo carico dalla procura - differente da quello che ha caratterizzato i suoi trascorsi con la giustizia. Perlopiù legati a questioni di droga, danneggiamenti e incendi.

In questo caso è accusato di avere chiesto a un ambulante del denaro. Peraltro una cifra modesta, venti euro appena. Era una sera di sei anni fa. Niotta, secondo i contenuti della denuncia che la controparte ha poi presentato, avrebbe preteso quei quattrini. Senza un perché, secondo gli inquirenti. Senza una ragione diversa da quella che poi l'accusa stessa ha contestato.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook