MALUMORI CRESCENTI

Crisi Eni, in ottanta protestano a Gela

di

GELA. La crisi dell’indotto Eni sta pesando su decine di operai. Ieri mattina, a protestare davanti ai cancelli della fabbrica di contrada Piana del Signore e nei pressi degli uffici amministrativi della multinazionale, sono stati i dipendenti di Eurocoop, Eurotec e Cosime. In totale, sono circa ottanta i lavoratori che chiedono certezze sul prossimo futuro occupazionale davanti a stipendi arretrati e commesse sempre più limitate. «Stiamo aspettando i pagamenti degli stipendi dallo scorso febbraio – spiegano i lavoratori di Eurocoop – non abbiamo ricevuto nulla. Eni dovrebbe versare circa 250 mila euro alla nostra azienda per lavori già effettuati».

«Al momento, però, è tutto fermo. Addirittura, non abbiamo ricevuto neanche i pagamenti per la trasferta nel sito industriale di Livorno. Ci siamo autofinanziati. Così, non si può andare avanti». I lavoratori di Eurocoop, per questo motivo, hanno chiesto d’incontrare i funzionari del gruppo Eni. Non ricevono retribuzioni dallo scorso aprile, invece, gli operai di Eurotec.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X