LA VERTENZA

Crisi Eni a Gela, i lavoratori pronti al dialogo

GELA. I lavoratori di cinque imprese che operano nell’indotto Eni sono tornati a protestate davanti ai tornelli di accesso alla fabbrica di contrada Piana del Signore. Per il terzo giorno consecutivo, ieri, hanno incrociato le braccia i metalmeccanici di Eurocoop, Eurotec e Cosime. Si sono uniti a loro anche i dieci strumentisti dell’azienda Elettroclima e Elettrosistemi per essere stati raggiunti da lettere di licenziamento.

Chiedono di essere riassorbiti e il rispetto del progetto sottoscritto al Ministero allo Sviluppo Economico (Mise) il 6 novembre scorso, che prevede il mantenimento occupazionale, e con un investimento da 2,2 miliardi di euro l’avvio di pozzi di estrazione di gas, on e off shore, oltre alla riconversione della fabbrica Eni nella più importante Green-Refinery della nazione il cui avvio è fissato per il 2017. I dieci strumentisti accusano i vertici della Elettroclima di non avere attesa nemmeno la pubblicazione del decreto di area di crisi complessa, ordinando i licenziamenti per tutti i lavoratori che hanno già usufruito anche della cassa integrazione in deroga.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X