IL CASO

Caltanissetta, troppi furti al 118: l'azienda corre ai ripari

di

CALTANISSETTA. Si corre ai ripari al "Dubini" dove la palazzina centrale è destinata ad ospitare la nuova centrale operativa del 118 ed altri uffici sanitari. L'azienda sanitaria dopo l'incursione ladresca risalente a qualche mese fa- la terza i in ordine di tempo - ha installato porte in ferro in tutte le stanze del pianoterra già attrezzata per ospitare il 118.

Porte dunque a prova di ladri, una misura che i vertici dell'azienda sono stati costretti ad adottare per scoraggiare l'attività dei malintenzionati in una struttura sprovvista peraltro di sistemi d'allarme collegati con le forze dell'ordine. Esiste solamente l'allarme antincendio per il resto l'enorme edificio può diventare in qualsiasi momenti potenziale bersaglio dei ladri come è puntualmente accaduto. L'ultima incursione risale a maggio quando ignoti hanno sfondato la porta di un ingresso posto alle spalle dell'edificio e si sono introdotti all'interno. Si sono limitati a danneggiare apparecchiature riuscendo alla fine ad asportare un computer . Era già il terzo episodio della serie (regolarmente denunciato alle forze dell'ordine) e stavolta l'azienda sanitaria ha adottato le contromisure collocando le porte in ferro nel tentativo di scoraggiare l'attività dei malintenzionati.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook