COMUNE

Reddito minimo a Caltanissetta, operai a casa

di
Domattina i lavoratori andranno a Palermo per una manifestazione davanti palazzo d’Orleans

CALTANISSETTA. Dopo la solenne bocciatura della Regione che ha revocato il finanziamento previsto per i cantieri di servizio destinati ai disoccupato, si profila adesso un’ ennesima stangata, questa volta contro i 96 beneficiari del reddito minimo di inserimento che prestano la loro attività nei diversi settori della pubblica amministrazione con mansioni diverse. Dalla Regione non sono ancora arrivati i quattrini per la prosecuzione della loro attività: circa quattro milioni di euro ripartiti tra il comune di Caltanissetta e quello di Enna, dove i lavoratori del reddito minimo sono in maggioranza.

L’amministrazione comunale per scongiurare eventuali proteste da parte dei lavoratori fino ad oggi ha anticipato le mensilità di gennaio, febbraio, marzo, aprile, maggio e giugno, ma adesso dall’amministrazione comunale hanno fatto sapere che il comune non è più nelle condizioni di anticipare le somme per cui, se entro il 10 luglio prossimo la regionale non avrà deliberato la ripartizione delle somme tutti i 96 lavoratori saranno messi alla porta: licenziamento per tutti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X