RAFFINERIA

Eni Gela, sindacati all’attacco: promesse non mantenute

di
Calabrese: «Tanti investimenti che dovevano dare lavoro rimasti nelle parole»

GELA. «È stata bloccata l’attività di una fabbrica e di tanti metalmeccanici che vi lavoravano. Ad oggi registriamo il mancato impegno degli accordi sottoscritti». Con queste parole, Nicola Calabrese, segretario provinciale Uilm Uil, interviene sull’investimento da 2,2 miliardi di euro di Eni, sancito il sei novembre scorso al Ministero per lo Sviluppo economico (Mise) con la sottoscrizione del progetto di estrazione di gas, on e off shore, riconversione della Raffineria con la produzione di bio-carburanti, mantenimento occupazionale e avvio delle misure di aiuto legate al riconoscimento dell’are di crisi complessa.

«Ci era stata promessa una raffineria verde e l’avvio di lavori per una moltitudine di milioni di euro che avrebbero dato lavoro ai lavoratori dell’indotto – ricorda Nicola Calabrese – e a tutte le aziende del territorio. Invece, siamo dinanzi a una vera e propria crisi del settore che avrebbe dovuto interessare l’Eni sono marginalmente, considerando la posizione strategica del sito gelese e gli interessi verso i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo».

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X