DENUNCIA DELL'UIL

"Due agenti penitenziari feriti con acqua bollente a Caltanissetta"

Due assistenti capo della Polizia penitenziaria, secondo il racconto del sindacalista, sono stati aggrediti da un detenuto del circuito ad alta sicurezza

CALTANISSETTA. Aggressione nella casa circondariale di Caltanissetta, dove due agenti della polizia penitenziaria sono stati feriti con il lancio di acqua bollente. Lo rende noto Gioacchino Veneziano, segretario regionale della Uil Penitenziari della Sicilia. È accaduto domenica notte, intorno alle 3.30.

Due assistenti capo della Polizia penitenziaria, secondo il racconto del sindacalista, sono stati aggrediti da un detenuto del circuito ad alta sicurezza. Il recluso ha atteso che i due si avvicinassero alla cella per gettare contro di loro dell'acqua bollente, proferendo offese e minacce. «I due colleghi sono stati condotti al pronto soccorso con prognosi di un massimo di sette giorni - dichiara Carmelo Arcarisi, coordinatore provinciale della Uil Polizia Penitenziaria di Caltanissetta -. A quanto pare il detenuto non è nuovo ad episodi di aggressione anche verbale nei confronti della Polizia penitenzieria nissena, tanto da essere già stato allontanato». La Uil esprime «piena e completa solidarietà ai colleghi coinvolti e ai loro familiari augurando loro una pronta guarigione».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X