LA VERTENZA

Serradifalco, da lunedì stop alla raccolta rifiuti

di
Il conto corrente della società in liquidazione è pignorato, ma il vicesindaco Speziale annuncia che il pagamento degli arretrati dovrebbe sbloccarsi a breve

SERRADIFALCO. L'ultimo stipendio da loro incassato è quello del lontano marzo scorso e i dipendenti di ruolo dell'Ato ambiente Cl1, in servizio a Serradifalco, minacciano di incrociare le braccia. Da lunedì della prossima settimana. Pur senza avere avviato le procedure previste dalla legge prima di scioperare. Come avevano già fatto mesi fa. «Allora ci hanno decurtato due giorni di stipendio dalla busta paga, in compenso, però, ci sono state liquidate due mensilità», tenevano ieri il conto i lavoratori nell'annunciare il loro proposito di fermare la raccolta dei rifiuti «già dalla prossima settimana e sino a quando non saranno pagati tutti gli stipendi arretrati».

Complessivamente sono otto i dipendenti della società d'ambito che prestano servizio a Serradifalco. Due autisti e sei netturbini. Gli stipendi arretrati, invece, ad oggi, ammontano a cinque (tanti quanti lo erano quando fu intrapreso il precedente «sciopero selvaggio»), quattordicesima mensilità compresa. «Troppi - commentano i lavoratori - perché una famiglia possa campare dignitosamente e onorare puntualmente tutto quanto ha da pagare».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X