SENTENZA

Niscemi, medici stressati per il troppo lavoro

di
I turni di reperibilità a cui erano sottoposti non erano il frutto di «casi eccezionali limitati nel tempo» ma rispondevano a logiche aziendali» dell' Asp 2

NISCEMI. L' eccessivo ricorso ai turni di «reperibilità» dei medici dell' ospedale Suor Cecilia Basarocco da parte dell' Azienda sanitaria provinciale «è una pratica illegittima». A stabilirlo con un' ordinanza è il Giudice del lavoro presso il Tribunale di Gela che ha dato ragione ai due medici del reparto anestesia e rianimazione dell' ospedale niscemese.

I medici Roberto Caruso e Salvatore Evola avevano presentato ricorso contro la decisione dell' Asp di Caltanissetta di stabilire turni di pronta disponibilità, la cosiddetta reperibilità, oltre i limiti previsti dal contratto nazionale. I due sanitari attualmente sono gli unici anestesisti del nosocomio.

Proprio a causa dell' eccessiva mole di lavoro, gli stessi lamentavano diversi infortuni sullavoro e gravi condizioni di salute.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X