CONTROLLI

Sequestrati 17 chili di pesce: sanzioni per 17 mila euro a Gela

Nello specifico sono state riscontrate violazioni alle norme sulla rintracciabilità del pescato

GELA. La capitaneria di porto di Gela ha rilevato 9 illeciti amministrativi per un titolare di 17.434 euro. L'operazione ha riguardato la verifica capillare di tutto il comparto della pesca. Nello specifico sono state riscontrate violazioni alle norme sulla rintracciabilità del pescato. Sequestrati 80 metri di reti da posta, 2 fucili per la pesca subacquea e 17 kg di pesce che è stato devoluto in beneficenza.

Negli scorsi mesi oltre cinquanta chili di pesce sono stati sequestrati a Trapani. Il bilancio di una operazione condotta al mercato ittico da agenti della polizia municipale e militari della Guardia costiera che hanno agito in sinergia. Una operazione per contrastare il fenomeno della vendita abusiva di alimenti e per tutelare la salute dei consumatori. Il blitz è culminato in cinque sequestri amministrativi a carico di ignoti perchè alla vista degli uomini in divisa i venditori ambulanti, dopo aver abbandonato la merce, sono fuggiti, riuscendo a far perdere le proprie tracce.

Il sospetto di vigili urbani e personale della sezione di polizia marittima della Capitaneria di porto, alla luce anche della reazione avuta dai commercianti che hanno subito tagliato la corda, è che si possa trattare di pesce scongelato e venduto per fresco all’ignaro acquirente. Prima della distruzione, tuttavia la merce sarà sottoposta ad accurati controlli sanitari da parte dell’Asp del capoluogo. Non è la prima volta che al mercato ittico vengono eseguite operazioni del genere per reprimere il fenomeno dell’abusivismo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X