EMERGENZA

Furti di ferro e rame e i servizi vanno in tilt a Caltanissetta

di
I fenomeni in grande ascesa colpiscono aziende, cimiteri, ferrovie, miniere dismesse e soprattutto le linee telefoniche ed elettriche

CALTANISSETTA. Non c'è stato posto nel capoluogo dove i ladri di ferro e (soprattutto) rame non siano già stati. Un saccheggio senza fine. Miniere dismesse, centraline, cimitero, binari, casa dello studente (finita da due anni e mai inaugurata) e da ultimo anche la zona dei vulcanelli è stata fatta razzia della rete di recinzione.

Insomma non stato luogo - o edificio pubblico - rimasto al riparo da un fenomeno dalle conseguenze pesantissime: basti pensare alle venti famiglie di contrada "Stretto Garibaldi" rimaste senza luce elettrice per un mese, a Bompensiere con i telefoni muti per un lungo periodo, all'interruzione della tratta ferroviaria Caltanissetta-Catania senza contare che persino una gru, al cimitero, è andata fuori esercizio dopo essere stata svuotata dei cavi elettrici. L'oro rosso, come ormai viene comunemente definito il rame, è diventato un business per ladri e ricettatori soprattutto per la estrema facilità con cui si riesce a piazzare il metallo, ormai ricercatissimo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X