GELA

Muore in ospedale a 24 ore dal ricovero, indaga la finanza

di
Ieri, la vedova Vassallo e i suoi due figli, hanno depositato una formale denuncia alla procura tramite la locale caserma della Guardia di finanza.

GELA. Il decesso del settantottenne Nunzio Vassallo potrebbe essere legato a un presunto caso di malasanità. I familiari ipotizzano un errore nella diagnosi e negligenze da parte del personale medico.

Ieri, la vedova Vassallo e i suoi due figli, hanno depositato una formale denuncia alla procura tramite la locale caserma della Guardia di finanza. «I medici avevano ipotizzato una infezione alle vie urinarie — assicurano i familiari dell’anziano — dopo il decesso la patologia sarebbe stata “ritrattata” con una presunta febbre cerebrale. Vogliamo venga fatta chiarezza per impedire che si verifichino ancora questi episodi incresciosi tra le corsie dell’ospedale e delle strutture sanitarie convenzionate».

L’indice è puntato contro la «Rsa Caposoprano» e il presidio ospedaliero «Vittorio Emanuele». Il cuore dello sfortunato settantottenne, affetto da sclerosi multipla, ha cessato di battere il 6 agosto scorso. Era ricoverato da meno di ventiquattrore in un lettino del reparto di Malattie infettive della struttura ospedaliera di via Palazzi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X