LA STORIA

Ristoratore di Gela muore per un ictus: donati gli organi

di
I familiari di Gennaro Schiattarella hanno voluto dare una nuova vita a 5 persone dicendo sì all’espianto

GELA. Un tragico destino ha spezzato la vita del cinquantanovenne Gennaro Schiattarella, persona nota in città anche per la sua passione verso la ristorazione e i buoni vini. Un ictus, tre giorni fa, ha colpito il malcapitato conducendolo fino alla morte. A seguito delle conseguenze si sono rivelati vani i tentativi dei sanitari di sottrarlo al suo tragico destino. Ieri, i familiari affranti dal dolore hanno deciso di donare una nuova vita ad altre cinque persone.

La moglie e le due figlie hanno consentito il prelievo degli organi. I pazienti in attesa di trapianto, inseriti nelle liste del centro salute nazionale, saranno trapiantati nelle prossime ore e potranno condurre una vita normale. L’equipe medica del centro prelievo organi del presidio ospedaliero “Vittorio Emanuele”, coordinato da Dario Rinzivillo, coadiuvato da Giuseppe Provinzano e dal personale del coordinamento regionale che ha organizzato la logistica e la tempistica, ha lavorato ventiquattro ore consecutivamente. Nella sala d’attesa del gruppo operatorio i familiari dello sfortunato Schiattarella si sono aggrappati alla speranza che gli organi del loro caro garantiscano nuova esistenza a pazienti bisognosi.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X