COMMERCIO

A Caltanissetta si è dimezzato il consumo del pane

di
Lo afferma il presidente dei panificatori, Michele Palmeri, il quale aggiunge anche che non esistono forni abusivi

CALTANISSETTA. Crolla la produzione di pane in città e subisce anche una netta flessione la vendita di quello che era e resta l'alimento principe delle nostre tavole. Anche questo è un segnale inequivocabile del momento recessivo che colpisce soprattutto le fasce sociali più deboli dove si risparmia anche sull'acquisto del pane.

«La produzione - ha spiegato il presidente dei panificatori nisseni Michele Palmeri - è scesa abbondantemente sotto i cento quintali giornalieri. Pressochè dimezzata rispetto a quella di qualche anno fa. Abbiamo calcolato che una famiglia media di quattro persone consuma al giorno mezzo chilo di pane, ovvero i due classici quartini».

Il settore, però, regge bene il mercato anche perchè gli addetti ai lavori si sono attrezzati diversificando la produzione con dolciumi e cibo d'asporto. Il prezzo del pane, anche se liberalizzato, è invariato da oltre due anni anche perchè il prezzo della farina (fra 0,38-0,40 centesimi al chilogrammo) non ha subito le oscillazioni di quattro anni quando aveva toccato il tetto di sessanta centesimi. Prezzi stabili ma consumi a picco. Le famiglie nissene sono diventate più parsimoniose del solito e oggi non buttano più nulla mangiando il pane del giorno prima. Il settore della panificazione nissena ha subito negli tempi profonde modifiche e la lotta all'abusivismo ha prodotto risultati di tutta evidenza.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X