IL DELITTO

Tassista freddato a Gela, autopsia sulla vittima

di

GELA. L’omicidio di Domenico Sequino, il tassista di 56 anni freddato giovedì sera alle 19,45 con cinque colpi di pistola sparati alle spalle mentre si trovava nel sagrato della chiesa madre, ha involontariamente messo in luce le criticità sul fronte dei controlli del territorio. Una denuncia è stata avanzata dal sindaco Domenico Messinese. Il primo cittadino del Movimento Cinque stelle punta l’indice accusatorio contro l’efficacia delle telecamere del sistema di videosorveglianza volute da Rosario Crocetta, promotore del progetto “Città sicura”.

«La tecnologia è superata – spiega il sindaco Messinese - Risalgono all’inizio del 2000. Sono telecamere inefficaci. Intervenire con la stessa tecnologia oggi non conviene. Stiamo pensando di ammodernarle, almeno per quelle posizionate nelle zone principali. La copertura comunque non è soddisfacente». Una vera doccia fredda per gli inquirenti impegnati a dare un nome ai sicari che hanno agito indisturbati nel centro storico della città, uccidendo un uomo nell’ora di massima frequentazione. Per cercare di ricostruire l’agguato le forze dell’ordine dovranno fare ricorso alle registrazioni delle attività commerciali che insistono nel centro storico. Pare che i sicari abbiano atteso l’arrivo di Sequino scorazzando in sella ad un ciclomotore nella piazzetta antistante la cattedrale, indossando caschi integrali. Indiscrezioni non ancora confermate dagli inquirenti che stanno cercando ogni indizio per risalire ai nomi della spedizione di morte.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook