LE INDAGINI

«Studentessa universitaria rapita e sequestrata in casa», altro arrestato torna libero

CALTANISSETTA. Natale in libertà per un nigeriano sospettato di avere fatto parte del ”branco” che avrebbe sequestrato e violentato una studentessa. Colpo di spugna al provvedimento cautelare a carico del trentaseienne nigeriano Osayande Testimore Prince (difeso dall'avvocato Giovanni Annaloro). Il tribunale del riesame, presieduto da Mario Amato, accogliendo il ricorso della difesa ne ha disposto la scarcerazione. Così come era già accaduto una decina di giorni fa con la liberazione di un gambiano trentaduenne, Abdulaye Maar, in questo caso su istanza dell’avvocato Michele Russotto.

Anche se le posizioni dei due - secondo lo spaccato tracciato da carabinieri e magistratura - differiscono quanto al presunto ruolo. Perché il gambiano Maar non è ritenuto tra i presunti carcerieri della ventenne, ma uno dei clienti che avrebbe avuto rapporti a pagamento con lei.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X