PROCURA DI GELA

Scoperto giro di reperti archeologici in Sicilia: 12 misure cautelari

di

GELA. La Guardia di Finanza ha scoperto un giro di reperti archeologici. 12 le misure di custodia cautelare (6 in carcere e 6 ai domiciliari) emesse dal Gip del Tribunale di Gela, Veronica Vaccaro su richiesta della Procura della Repubblica di Gela, diretta dal Procuratore Capo Lucia Lotti, accusate, a vario titolo, di traffico di reperti archeologici ed associazione per delinquere. In tutto sono 27 le persone indagate.

Reperti archeologici dalla Sicilia a collezionisti spagnoli e tedeschi: 12 arresti - Nomi e foto

Le indagini, condotte dalla Guardia di Finanza, hanno consentito di ricostruire un giro di reperti, provenienti da ricerche clandestine in diverse aree archeologiche, in particolare da Kamarina di importanti materiali di interesse archeologico che poi venivano commercializzati illecitamente. Ad entrare in azione una presunta rete di gelesi che intratteneva rapporti con altri presunti trafficanti operanti in diversi territori (Paternò, Vittoria, zone del casertano).

Nell’ambito dell’operazione, denominata “Agorà” sono state sequestrate oltre 400 monete, la maggior parte delle quali risalente ad epoca tra il V e il II sec. a.C. nonché varie apparecchiature – metal detector – utilizzate per le ricerche clandestine.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X