SANITA'

Caltanissetta, morì in corsia: archiviata l'inchiesta su 5 medici

di

CALTANISSETTA. I medici non hanno colpe. Nè i quattro in servizio al «Sant’Elia», nè un quinto medico di famiglia della vittima. Che, tradotto nel concreto, è stato alla base dell’archiviazione dell’inchiesta a carico di cinque professionisti i cui nomi erano finiti nel registro delle notizie di reato per omicidio colposo. Ipotesi legata al decesso del pensionato Alfonso Sollami, settantunenne al momento della sua scomparsa che risale al 5 dicembre del 2014. È deceduto, secondo i contenuti della denuncia poi presentata dai suoi familiari, dopo la somministrazione di un vaccino antinfluenzale.

E il sostituto procuratore Santo Di Stefano ha poi inscritto nel registro degli indagati i nomi dei medici del pronto soccorso del «Sant’Elia», Maria Tumminelli di 53 anni (avvocato Diego Perricone) e del cinquantottenne Alfonso Averna, di altri due loro colleghi ma radiologi sempre dell’ospedale, Calogero La China (avvocato Walter Tesauro) di 58 anni e della trentacinquenne Tiziana Canalella (avvocato Gaetano Lisi) e il medico curante della vittima, il sessantatreenne Giuseppe Viviano (avvocato Danilo Tipo).

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X