IL CASO

Gela, 22 operatori da nove mesi senza stipendio

di

GELA. Ventidue operatori costretti ad attendere anche fino a nove mesi prima di ricevere le proprie retribuzioni. Si tratta di lavoratori in servizio per conto delle cooperative che, allo stato attuale, gestiscono il programma Sprar per l’accoglienza di richiedenti asilo. In totale, sono cinquanta i migranti ospitati nelle strutture gestite dalle cooperative. Gli operatori impegnati, invece, sono appunto ventidue.

I dati sono stati forniti dall’assessore ai Servizi sociali Licia Abela durante la seduta di question time di martedì sera. A chiedere lumi sulla situazione dei lavoratori è stato il consigliere del Polo Civico Guido Siragusa. “Ci sono due fasi di questo progetto – ha spiegato l’assessore – per la prima fase, i pagamenti sono stati effettuati regolarmente fino a maggio dello scorso anno. Per la seconda, invece, siamo fermi a giugno”.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X