RESIDUATO BELLICO

Trovata una bomba nei campi di Serradifalco

di

SERRADIFALCO. Dopo settant'anni, riemerge un ordigno bellico, risalente alla seconda guerra mondiale, nella campagna di contrada Paolotti. A portarlo alla luce, lo scorso mercoledì pomeriggio, un trattore con il quale un contadino stava arando il suo terreno.

Confinante col ciglio della strada provinciale 46, a meno di duecento metri dal bivio per Mussomeli, percorso ogni giorno da centinaia di macchine che dai comuni del Vallone si recano verso Caltanissetta, e viceversa. E a due chilometri dall’abitato di Serradifalco; distanza che in linea d’aria, però, si dimezza. O quasi.

L’ordigno sembra inesploso. Motivo per cui, quando le vanghe del trattore lo hanno disseppellito, avrebbe potuto urtare contro la spoletta. Facendo esplodere la bomba. Con le gravi conseguenze che ciò avrebbe potuto provocare. In primo luogo al conducente del mezzo agricolo. Ma forse non solo a lui. Comunque sia, saranno gli artificieri dell’esercito italiano identificare le potenzialità della bomba ritrovata, arrugginita e del diametro di dieci centimetri circa. La cui data dell’intervento non è ancora stata decisa.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI CALTANISSETTA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X