SANITA'

Proteste di disabili, ispezione in ospedale a Gela

di

GELA. L' ospedale «Vittorio Emanuele» è finito al centro delle accuse dell' associazione a difesa dei diritti dei disabili e delle visite ispettive ordinate dal Servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro (Spresal) del Distretto sanitario. Secondo il presidente dell' associazione «Io non mollo», Gaetano Passanisi, «tra le corsie del presidio ospedaliero non esistono servizi igienici a norma per essere utilizzati dai disabili costretti alla carrozzina - spiega - Molti scivoli sono pericolosi e non praticabili. L' abbattimento delle barriere architettoniche impedisce di accedere in ogni unità operativa, creando ostacoli a chi come me è costretto a vivere su una sedia a rotelle».

Luciano Fiorella, direttore del presidio ospedaliero di via Palazzi appartenente all' Azienda sanitaria provinciale (Asp) Cl2 replica: «Verificheremo la veridicità delle accuse - replica Fiorella - Sono tranquillo sulla regolarità della struttura. Le numerose visite ispettive avute negli ultimi mesi avrebbero permesso ai tecnici specializzati di evidenziare queste anomalie».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI CALTANISSETTA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X