LA STORIA

Gela, la ragazza lo lascia e lui aggredisce i carabinieri: "Per favore, arrestatemi"

GELA. «Per favore, arrestatemi. La mia vita, da uomo libero, non ha più senso perchè la mia ragazza, bellissima, mi ha lasciato per un altro, e senza di lei, meglio il carcere». È stata questa la singolare richiesta che un giovane di Gela, Grazio Pizzardi, di 20 anni, disoccupato, ha rivolto, stamani, all'incredulo e sbigottito piantone della caserma dei carabinieri del comando territoriale di via Venezia.

E quando il militare gli ha detto che se non aveva commesso reati non c'erano i motivi per eseguire l'arresto, il giovane è andato su tutte le furie. Ha estratto dalle tasche un coltello a serramanico e ha minacciato di morte il piantone e gli altri carabinieri richiamati dal trambusto.

Grazio Pizzardi, prima di essere bloccato ha sferrato calci e pugni e spaccato il tavolo di marmo di uno degli uffici. Alla fine è riuscito a farsi arrestare e portare in carcere, come chiedeva, ma con l'accusa di oltraggio, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, minaccia aggravata e danneggiamento.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X