RIFIUTI

Raccolta differenziata, adesso Gela «vola» dal 22 al 44 per cento

di

GELA. Il piano di rimodulazione del servizio di raccolta dei rifiuti ha permesso, in appena un mese, di trasportare l' indice delle differenziata sulla soglia del 50 percento. Ad affermarlo è il sindaco convinto che "bisogna pubblicare un bando aggiornato -dice il sindaco Domenico Messinese - che preveda tutti i reali costi dei rifiuti. Quello attuale ha dei grossi limiti che richiede l' utilizzo dei servizi aggiuntivi".

Per tamponare, in attesa del primo gennaio per un nuovo affidamento, è stata la tolleranza zero introdotta l' 8 agosto dal sindaco Domenico Messinese, con una ordinanza che prevede anche la distribuzione di pattumiere per la raccolta del vetro e nuovi sacchetti per differenziare i rifiuti, a garantire i primi risultati di rilievo.

"L' obiettivo è superare l' indice del 65 percento - assicura il primo cittadino -. Dopo la riapertura della discarica di Timpazzo eravamo precipitati al 22 percento. In meno di un mese siamo riusciti a raddoppiare il dato e adesso ci accingiamo a raggiungere la soglia del 50 percento di differenziata raccolta. Segno che le nostre direttive cominciano a dare le risposte annunciate".

L'amministrazione comunale ammette di avere modificato le strategie che comprendevano, dopo l' insediamento a Palazzo di Città, l' esonero della Tekra, società che gestisce il ciclo integrato dei rifiuti. Tant' è che gli esponenti del Movimento 5 Stelle in consiglio comunale avevano chiesto ed ottenuto l' istituzione di una commissione straordinaria di indagine sui costi del servizio, con particolare riferimento alle spese fuori bilancio.

A Natale dello scorso anno, dopo essere stato espulso dal partito che fa capo a Beppe Grillo, il sindaco Messinese ha rimodulato la strategia della giunta e stretto una alleanza con la società campana appartenente al gruppo Balestrieri. "La Tekra è costretta, come ogni altra società chiamata ad effettuare il servizio di raccolta dei rifiuti, a ricorrere agli stessi operatori ecologici - ricorda il sindaco - Per migliorare il servizio bisogna puntare sulle maestranze, con una migliore gestione del personale, e modificare il capitolato del contratto".

Le prime direttive imposte dall' amministrazione, seguite in prima persona dal vice sindaco Simone Siciliano, hanno permesso di informare la popolazione con tre diversi gazebo "info point", e consegnare parte delle 28 mila pattumiere per la raccolta del vetro. Il vice sindaco era sceso in campo distribuendo i primi kit forniti dalla Tekra tra i residenti degli allogi popolari di contrada Scavone.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X