A Gela l'addio a Maria Sofia e Gaia, il parroco: "Sangue innocente"

GELA. Un’intera città si è stretta attorno al dolore della famiglia Trainito, per la morte delle piccole Maria Sofia e Gaia, uccise dalla loro mamma, Giusi Savatta, insegnante di sostegno di 41 anni.

Una chiesa gremita ha accolto le bare bianche delle due bimbe. A celebrare i funerali, il vescovo Rosario Gisana, il quale durante la sua omelia ha detto che “quello di Gaia e Maria Sofia è un sangue innocente e questo sangue custodirà le sorti di Gela. La nostra città è già molto sofferente per tante ragioni e questa ulteriore sofferenza addolora e umilia. Ciò che caratterizza queste bambine, così come Gesù è l’innocenza e la loro genuinità. Preghiamo anche per il papà e per la loro mamma”.

Alla messa hanno partecipato anche alcune insegnanti dell’istituto Suor Teresa Valsè, la scuola che le bimbe frequentavano. “Erano bambine obbedienti ed educate”, ha detto una delle loro insegnanti. “Sofia, prenditi cura della piccola Gaia”, ha detto un’altra insegnante. “Ricordo di Gaia l’ultimo abbraccio, quando mi disse buon Natale maestra, ti voglio bene”.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X