LA TRAGEDIA

Il delitto di Gela, ora la madre chiede perdono dal carcere

di
delitto, Gela, Caltanissetta, Cronaca
Maria Sofia e Gaia Trainito

GELA. Piange e si dispera Giusy Savatta. Da sabato sera è rinchiusa in una cella della sezione femminile del carcere Petrusa di Agrigento. È avvilita, scombussolata, disorientata, in un forte stato confusionale.

Avrebbe anche chiesto perdono per il terribile gesto che ha compiuto. Ha tolto la vita, paradossalmente, alle creature che amava di più al mondo, alle sue adorate figlie, Maria Sofia e Gaia, di 9 e 7 anni, pensando di farla finita insieme a loro.

Ma non è stato così. Nell’arco di pochi istanti, la sua vita è cambiata. Una famiglia perbene, due bambine obbedienti ed educate, sempre curate nell’aspetto fisico, ben vestite e pettinate.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X