IL CASO

Operaio morto a Gela, udienza preliminare per gli indagati

Gela, operaio morto, Caltanissetta, Cronaca
Il Tribunale di Gela

GELA. Iniziata ieri a Gela l'udienza preliminare a carico di 13 indagati, tra dirigenti e tecnici dell'Eni, per i quali la procura chiede il rinvio a giudizio per omicidio colposo, ritenendoli responsabili della morte di un ex operaio del petrolchimico, Salvatore Mili, ammalatosi, secondo l'accusa, per i prodotti tossici che manipolava nell'impianto «Clorosoda».

Il gup ha ammesso come parti civili la moglie, i figli e i nipoti di Mili. Chiedono un risarcimento danni complessivo di 6 milioni di euro. L'operaio sarebbe stato colpito in maniera irreversibile da «mieloma multiplo e adenocarcinoma al colon».

Per i pm, i 13 imputati avrebbero omesso di adottare le misure atte a proteggere Mili e gli altri dipendenti dell'impianto dalle esposizioni ai vapori di mercurio caldo, e alle esalazioni di cloro, benzene e acido solforico. Gli avvocati del collegio di difesa respingono le accuse ed escludono ogni possibile responsabilità dei propri assistiti in merito alle patologie contratte da Salvatore Mili. L'udienza è stata aggiornata al prossimo 22 marzo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X