IN APPELLO

San Cataldo, chiesta confisca di beni da 2 milioni a imprenditore di pompe funebri

di

CALTANISSETTA.  I beni vanno confiscati. La procura generale di Caltanissetta non ha avuto dubbi nel chiedere alla corte d’Appello nissena che venga confermato il verdetto emesso dal tribunale. Quello con cui ha sancito la confisca, non definitiva, dei beni milionari appartenenti all’imprenditore sancataldese di pompe funebri, Diego «Dino» Cali e alla sua famiglia.

Più in dettaglio la convivente, Concetta Pelonero (difesa, con l’imprenditore, dagli avvocati Antonio Impellizzeri e Rosita La Martina) ed figli dello stesso Calì, Marzia, Giuseppe e Luca e l’ex moglie Crocifissa Calabrò (assistiti dall’avvocato Daniele Osnato).

Perché è tutti loro che ha intaccato il decreto già emesso dal tribunale misure di prevenzione (allora presieduto da Francesco Carimi) nel luglio di quattro anni fa. Quando l’erario ha compiuto un altro passo verso l’acquisizione di un tesoro, fatto di beni mobili e immobili, per un valore stimato in oltre due milioni di euro.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X