SANITA'

Piano sanitario, a Gela trenta associazioni chiedono la modifica

di

GELA. Trenta associazioni gelesi che fanno capo al Comitato per lo sviluppo dell'area gelese (Csag), dicono “no” al piano sanitario appena proposto dalla Regione con la riforma sanitaria. Le associazioni temono che possa "danneggiare ancora una volta l'ospedale di Gela".

A parere del Csag, attribuendo al nosocomio gelese il ruolo di "spoke" e dunque di ospedale di primo livello, verrebbero meno i presupposti per mantenere al "Vittorio Emanuele" di Gela "il II livello di Ginecologia e Ostetricia, nonché l’Utin", cioè l'unità di terapia intensiva neonatale, che così verrebbero centralizzati nell'Hub provinciale del "Sant'Elia" di Caltanissetta.

A rischio trasferimento, secondo le associazioni gelesi, anche il "dipartimento oncologico di eccellenza", che i vertici dell'Asp sembrerebbero orientati a portare a San Cataldo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X