INFRASTRUTTURE

Porto rifugio invaso dalla sabbia, proteste a Gela

di

GELA. Gli operatori portuali non ne possono più di vedere quel porto rifugio insabbiato. Tante le promesse ma la situazione non cambia. I soldi ci sono per procedere al recupero della struttura ma tutto rimane fermo.

L’Eni, lo scorso 27 settembre, ha messo a disposizione 5 milioni e 600 mila euro, prelevandoli dai fondi di compensazione destinati a Gela così come previsto nel protocollo, siglato nel 2014, per la riconversione della Raffineria ma dopo l’annuncio in pompa magna, rimane tutto paralizzato.

Il pescaggio si è ridotto notevolmente, siamo al di sotto di un metro e il maltempo dei giorni scorsi ha peggiorato una situazione che ormai è ai limiti del grottesco.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X