IL CASO

Gela, porti off-limits: "Intervenga il prefetto"

di

GELA. Gela, città affacciata sul mare, senza un porto fruibile. La città del Golfo, sulla carta potrebbe avere a sua disposizione due strutture portuali. In realtà, entrambi i porti non possono essere utilizzati.

La denuncia, l’ennesima, arriva dal capogruppo del Pd, Vincenzo Cirignotta e dagli operatori portuali, che non sanno più a quale santo rivolgersi affinché una delle due strutture portuali siano fruibili. Gela dispone del porto rifugio, oramai insabbiato da anni e del porto isola, una struttura a disposizione della raffineria, che però Eni utilizza sempre meno da quando gli impianti sono stati fermati. «La situazione della portualità di Gela è oramai degenerata», afferma in una nota Cirignotta, rivolgendosi all’amministrazione comunale affinchè faccia il possibile per chiedere la convocazione di un incontro in prefettura.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X