IL CASO

"Discariche inquinanti nel Nisseno", dossier inviato ai pm

di

CALTANISSETTA. Potrebbe essere ad una svolta l'inchiesta avviata dalla magistratura su due discariche del Nisseno chiuse da tempo per opposti motivi ma entrambe inquinanti.

I siti in questione sono quello di "Stretto Giordano" nel capoluogo e quello di "Martino" a Serradifalco: la prima appartiene al Comune, la seconda all'ex Ato Ambiente.

Per scoprire eventuali irregolarità nel funzionamento delle due discariche la magistratura da tempo ha aperto una inchiesta affidandola agli uomini della sezione "Ambiente e Sanità" nominando al contempo esperti del settore anche del nord per stabilire quale impatto abbia avuto nel tempo la fuoruscita di percolato, ovvero la micidiale prodotta dai liquami. I tecnici hanno consegnato le relazioni finali sui due impianti che sono adesso al vaglio del magistrato.

Il malfunzionamento di "Stretto Giordano" è stato fonte di guai giudiziari per amministratori comunali, tecnici e amministratori dell'ex Ato Ambiente e consulenti.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook