APPELLO ALLA CITTA'

Gela, lettera aperta del vescovo: «Basta con le beghe, uniti contro la crisi»

GELA. «Occorre unire le forze se si desidera davvero vedere la propria città risorgere». Lo scrivono il vescovo della diocesi di Piazza Armerina, monsignor Rosario Gisana, il Clero di Gela e l’osservatorio pastorale cittadino in un passo della «lettera aperta alla città di Gela» che oggi sarà letta ai fedeli di tutte le parrocchie gelesi, durante le messe domenicali, nella «Giornata della vita».

«La crisi occupazionale, in particolare quella dell’indotto Eni - si legge - rappresenta il primo e più immediato tassello di un mosaico di emergenze economiche, sociali e umane».

«La riconversione voluta dall’Eni - scrive ancora il vescovo - sembra ancora lontana e nelle famiglie c'è la paura di prospettarsi un futuro. Al di là di qualche manifestazione a carattere cittadino - si legge ancora nella lettera - di fatto è mancata nella quotidianità quella spinta propulsiva di idee e iniziative. Sono mancate la costanza e l'energia della proposta e dell’impegno».

Quindi viene sottolineata l’urgenza di un «accorato richiamo alla coscientizzazione». «A ciascuno - ecco l’invito diretto del vescovo Rosario Gisana - secondo il proprio ruolo e impegno, è chiesto di compartecipare alle risoluzioni».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO L'ARTICOLO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X