INTERVIENE IL SINDACO

Gela, operaio Tekra licenziato entra in municipio e minaccia di darsi fuoco

GELA. Un uomo di 48 anni, Sandro Italiano, licenziato dalla «Tekra», l'azienda che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti, è salito stamani - dove ancora si trova - sulla pensilina al primo piano del municipio di Gela, si è cosparso gli abiti di benzina e ha minacciato di darsi fuoco se il sindaco non l'avesse aiutato a riottenere il suo posto di lavoro. «Se non fai un gesto disperato nessuno ti ascolta», ha detto ai cronisti.

Sono intervenuti i vigili urbani e lo stesso sindaco, Domenico Messinese, che ha convinto l'operaio a desistere dal suo proposito e a seguirlo in ufficio per esporre il suo problema. Sandro Italiano, che proprio oggi compie gli anni, è sposato e padre di due figli. Insieme con altri 39 colleghi, ha detto di essere stato licenziato al termine di un contratto a cinque proroghe, quando pensava invece di essere assunto a tempo indeterminato.

Ma mentre 15 dei suoi colleghi hanno avviato procedure legali ed altri 24 si sono rivolti all' ispettorato del lavoro, riottenendo il posto di lavoro. Lui è rimasto fuori «perchè male consigliato da certi sindacalisti». Il sindaco si è impegnato a incontrare i dirigenti della Tekra per esaminare la possibilità di una riassunzione dell'operaio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X