ENI

Gela, la Versalis chiude il deposito ferroviario: proteste

eni, Gela, versalis, Caltanissetta, Economia

GELA. Un’altra fetta dell’attività dell’Eni sta per lasciare l’area di Gela. Un’azienda sua consociata, la Versalis, ha deciso di chiudere il locale deposito ferroviario Terminal-Italia, dove confluiscono i propri trasporti intermodali strada-ferrovia, e di trasferirlo alla stazione di «Catania Bicocca».

A determinare il provvedimento sono intervenuti più fattori tra cui la chiusura nel petrolchimico di Gela dell’impianto di produzione delle plastiche «Politene», prima, e della Raffineria, dopo, ma (nel tempo) anche l’interruzione della tratta ferroviaria Gela-Caltagirone per il crollo di un ponte avvenuto sette anni addietro e mai ricostruito. Il deposito gelese stava lavorando con il polimero «Riblene» prodotto a Ragusa.

Il cambio di sede (da Gela a Catania) era previsto per il primo febbraio, ma la ribellione degli oltre cento camionisti dei quattro consorzi di autotrasportatori gelesi e la mancata intesa sulle modifiche contrattuali con l’azienda ha fatto slittare più volte la data.

Ora l’intero settore del trasporto ha deciso di proclamare lo stato di agitazione e minaccia lo sciopero a tempo indeterminato se non sarà avviata una trattativa tra le parti che tenga conto della lievitazione dei costi, dei tempi d’attesa e soprattutto degli effetti che la chiusura del deposito Terminal-Italia potrà avere sull'indotto dell’autotrasporto gelese (meccanici, gommisti, elettrauto, distributori di carburante, carrozzieri, ecc.) che coinvolge un migliaio di artigiani.

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Caltanissetta: i più cliccati