AVEVA 33 ANNI

Il cadavere di un gelese trovato in un casolare a Novara: ucciso a colpi di pistola

NOVARA. E’ un uomo già noto alle forze dell’ordine quello trovato ucciso a colpi di pistola in un casolare abbandonato nel Novarese. Si tratta di Matteo Mendola, 33 anni, originario di Gela e residente a Busto Arsizio.

Il ritrovamento era avvenuto ieri nelle campagne di Pombia e la morte, a quanto riferito oggi dagli investigatori, risalirebbe a due giorni fa.  Ucciso con due colpi di pistola al petto, oggi sul posto, per cercare tracce utili, sono arrivati i carabinieri del Ris di Parma, che hanno lavorato fino al tardo pomeriggio.

In zona non è stata ritrovata alcuna vettura, segno che in quella boscaglia l’uomo probabilmente era arrivato insieme a qualcun altro, magari il suo stesso assassino. Si tratta inoltre di un luogo tanto isolato da far pensare che fosse noto alla vittima, o a chi l’ha ucciso, perché diversamente è una boscaglia difficile da raggiungere.
In quella stessa zona un mese fa si era tenuto un rave party che aveva portato a un arresto, nove denunce e 112 persone identificate. Tra loro però, secondo quanto i carabinieri hanno verificato proprio oggi, non c'era Mendola.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X