TRIBUNALE

«Vendeva droga a Mazzarino»: condannato a tre anni

di

MAZZARINO. Movimentava droga sotto l'ala della mafia. Questo, tradotto nel concreto, è quanto traspare dal verdetto dei giudici. Che sul reato associativo finalizzato al traffico di stupefacenti a carico di un presunto “avvicinato” alle cosche - non accusato di essere un appartenente ai clan, ma gli è stata contestata l'aggravante mafiosa - non hanno avuto particolari dubbi.

È di 3 anni di reclusione la condanna inflitta a un sospetto componente di una rete organizzata di trafficanti di droga nell'area di Mazzarino. Li ha comminati il Tribunale che, di contro, ha ritenuto troppo datati i fatti contestati a un secondo mazzarinese.

Entrambi coinvolti nella maxi inchiesta dei carabinieri su mafia e droga ribattezzata “Cerbero” che, nel luglio di sei anni fa, ha fatto scattare una trentina di provvedimenti cautelari che hanno colpito le famiglie Sanfilippo e Siciliano, rispettivamente a capo di Stidda e Cosa nostra a Mazzarino.GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X