IL CASO

Porto insabbiato a Gela, gli operatori protestano da 5 giorni: avviare i lavori di dragaggio

di
Gela, porto insabbiato, protesta, Caltanissetta, Cronaca
La protesta

GELA. Da cinque giorni operatori portuali e pescatori protestano all’ingresso del porto rifugio di Gela per chiedere l’avvio dei lavori di dragaggio e la realizzazione del braccio di ponente. All’ingresso del porto c’è uno striscione con la scritta «Presidente, basta promesse». Gli operatori intendono andare avanti ad oltranza.

Il porto rifugio di Gela da due anni è insabbiato e quindi inagibile. È off limits anche ai mezzi della Capitaneria di Porto. È stato anche chiesto un incontro al prefetto ma ancora nessuna risposta.

Gli esponenti del Comitato porto del Golfo di Gela, chiedono il rispetto dell’accordo siglato lo scorso settembre, secondo il quale l’Eni, metteva a disposizione sei milioni di euro per la realizzazione del braccio di ponente e del dragaggio.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X